Anche l’arte contro il femminicidio: l’installazione di Floreancig a Buttrio

  • 18 giugno, 2013
Anche l’arte contro il femminicidio: l’installazione di Floreancig a Buttrio

«Sono rimasto molto colpito dal numero di donne che ogni anno vengono uccise in Italia, spesso dai propri compagni e ho come l’impressione che la gente si stia dimenticando di questo dramma. Sta diventando quasi un normale fatto di cronaca, per questo io ho pensato a un’installazione molto forte»: chi parla è  Giordano Floreancig, artista friulano che venerdì alle 18.30 nella villa di Toppo-Florio a Buttrio inaugurerà la sua personale dal titolo “Imprudenze”. Tra le opere in mostra, appunto, anche un’istallazione che riflette sul femminicidio:  dell’opera, che sarà svelata venerdì, Floreancig non anticipa nulla, perché conteranno – afferma – le reazioni del pubblico, non condizionate dalle sue parole.

Floreancig attirò l’attenzione dei media a chiusura della 54ª Biennale d’arte di Venezia, quando il direttore del padiglione Italia, Vittorio Sgarbi, appiccò fuoco a 150 sue opere, per un’installazione-distruzione dal titolo Patatrak: i residui dei suoi quadri furono poi chiusi in 150 barattoli numerati, firmati e quindi collocati lungo i calli e i ponti di Venezia.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi