Crescono le adesioni al nostro appello: in sessantamila mobilitati per gli Stati generali contro la violenza

  • 16 maggio, 2013
Crescono le adesioni al nostro appello: in sessantamila mobilitati per gli Stati generali contro la violenza

Maurizio ha firmato perché, racconta, “abbiamo due figli maschi e vorrei che non debbano mai vergognarsi di esserlo, come invece succede talvolta a me”. Riccardo, un altro papà, ha pensato invece alle sue due bambine: “non voglio che debbano avere paura”, ci scrive. Crescono ogni minuto le adesioni al nostro appello per la convocazione degli Stati generali contro la violenza sulle donne. Dalla nostra parte ci sono i papà, le mamme, ma anche i figli e le figlie, le sorelle, i fratelli, i fidanzati. “Perché la situazione delle donne in questo momento è intollerabile” oppure “per le bambine di domani”, “perché essere donna è bello e non deve fare paura” o “perché l’uomo delle caverne torni dentro le caverne”. Poi ci sono le vittime, le tante (troppe) donne che nella vita quotidiana incontrano la violenza e che sottoscrivono il nostro appello, lasciandoci la loro testimonianza: per loro siamo mobilitati, a loro vogliamo far sentire tutto il nostro sostegno. Facciamolo tutte e tutti: firmiamo!

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi