Femminicidio, varato il decreto legge: punito lo stalking, anche via web. Via da casa i compagni violenti

  • 8 agosto, 2013
Femminicidio, varato il decreto legge: punito lo stalking, anche via web. Via da casa i compagni violenti

Un decreto «agile», lo ha definito il premier Enrico Letta,  che mette uno dietro l’altro dodici articoli e che vuole essere «un chiarissimo segnale di contrasto e di lotta senza quartiere» nei confronti del femminicidio.  Oggi il consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, un provvedimento annunciato ai tempi della ratifica della Convenzione di Istanbul dall’allora Ministra alle Pari Opportunità Josefa Idem e  che finalmente può essere pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.  Nel provvedimento si inseriscono pene più severe per gli autori della violenza, si rende irrevocabile la querela (sottraendo così la vittima alle pressoché rituali minacce per il ritiro)  e si prevede l’arresto in flagranza per i maltrattamenti e per lo stalking. Inoltre, alle forze di polizia  viene data la possibilità di buttare fuori di casa il coniuge violento, se c’è un rischio per l’integrità fisica della donna. Punizioni severe anche per chi utilizza il canale informatico per fare molestie.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi