TSUNAMI femminista

  • 28 marzo, 2013
TSUNAMI femminista

Il femminicidio non ha confini, lo diciamo sempre. Per fortuna anche in Sudafrica, India, Egitto la ribellione è iniziata perchè le donne non sono più disposte ad accettare tutto ciò.

“Un dato positivo c’è: non è la violenza che aumenta, è il silenzio che si fa più raro. Le donne si difendono, lottano per affermare i propri diritti. Cresce il rifiuto nei confronti della discriminazione e della violenza. Così come cresce la consapevolezza che queste umiliazioni non possano più essere vissute come una normale condizione della donna, una specie di destino ineluttabile”

Continua a leggere l’articolo di Andrea Ritter su D di Repubblica (p. 60 ss) di questa settimana.

Tsunami femminista

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi