Violenza contro le donne, Serena Dandini sostiene la Guardasigilli: “Reati da perseguire d’ufficio”

  • 20 maggio, 2013
Violenza contro le donne, Serena Dandini sostiene la Guardasigilli: “Reati da perseguire d’ufficio”

“I reati che riguardano la violenza di genere devono essere procedibili d’ufficio”: Serena Dandini sostiene senza incertezze la riforma annunciata dalla ministra della Giustizia, Annamaria Cancellieri. In altre parole, in caso di violenza il colpevole deve essere perseguito anche in assenza di una denuncia da parte della vittima. Il tema è oggetto di un acceso dibattito in questi giorni, dopo che Rosaria Aprea, la 20enne di Macerata Campana picchiata a sangue dal fidanzato, ha annunciato l’intenzione di ritirare la denuncia a carico del suo carnefice. Questo ripensamento, però, è anch’esso un esito della violenza: “il ragionamento – spiega Dandini – vale per tutte quelle donne che vengono maltrattate anche in maniera meno grave: per loro non dovrebbe essere più possibile cambiare idea”. Anche per questo riteniamo sia urgente convocare quanto prima gli Stati generali contro la violenza: per firmare il nostro appello clicca qui.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi