1 Febbraio, quando l’Italia decise di allargare il voto alle donne

  • 1 febbraio, 2016
1 Febbraio, quando l’Italia decise di allargare il voto alle donne

Con la guerra ancora in corso, l’Italia già attraversata dai carri armati alleati allarga a tutti i cittadini il diritto a scegliersi i propri rappresentanti in Parlamento e instaura il suffragio universale. E’ il Governo Bonomi III, sostenuto da Democrazia Cristiana, Partito Comunista, Partito Liberale e Partito Democratico del Lavoro, a varare il Decreto legislativo numero 23 che estende alle donne il diritto di voto. Un fatto storico, che oggi compie 71 anni.

Il provvedimento varato il 1° febbraio 1945, nasce su proposta dei comunista Palmiro Togliatti, allora vicepresidente del Consiglio dei Ministri, e il democristiano Alcide De Gasperi, ministro degli Esteri. Uno dei primi compromessi virtuosi in nome di una conquista più alta e nobile.

Un ulteriore passo verso quell’uguaglianza dei diritti che fu sancita a breve con la nascita della Costituzione nel 1947.

fonte: htt://www.ilmamilio.it/m/it/rubriche/mamilio-social/30-attualita/32706-quando-l-italia-decise-di-allargare-il-voto-alle-donne.html

 

rep-magnani-visualizzatore-immagini-e-fax-per-windows-02062014-2-33-15

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi