Avallone, Faiella, l’On.Costantino e altre amiche hanno firmato

  • 8 maggio, 2013
Avallone, Faiella, l’On.Costantino e altre amiche hanno firmato

 

Buongiorno ho firmato con la seguente motivazione “Il patriarcato affonda le radici nell’ignoranza e nel silenzio. gridiamo ad alta voce il nostro sdegno!” E ho invitato molti a farlo! Un abbraccio

Alessandra Faiella

 

Vi scrivo da Oslo dove sto cercando di raccontare anche il femminicidio in Italia e di spiegare perché si è dovuto ricorrere a questa parola per esprimere il significato di questa strage. Ho firmato subito l’appello, convinta che questa sia la più grande urgenza da affrontare insieme a quella che riguarda il lavoro, e che non ci possa essere ne’ futuro ne’ sviluppo del Paese senza sconfiggere violenza e discriminazione nei confronti delle donne, e senza dare corso a una profonda rivoluzione culturale che superi qualsiasi forma di maschilismo. Credo sia una necessità non rimandabile, non solo per le donne, ma per la società intera e per le nuove generazioni.

Silvia Avallone

 

Il Segretario Generale della Flai Cgil, Stefania Crogi, ha sottoscritto l’appello promosso da “Ferite a morte”, il progetto teatrale di Serena Dandini, per chiedere a Governo e Parlamento la convocazione degli Stati Generali contro la violenza sulle donne.

“Si tratta di una firma di civiltà – dichiara Stefania Crogi – un gesto per chiedere rispetto dei diritti, libertà, autodeterminazione. Ogni giorno le violenze e gli omicidi ai danni donne ci consegnano un vero bollettino di guerra, si tratta di una emergenza e come tale va considerata ed affrontata, a tutti i livelli e da parte di tutte le istituzioni. Per questo è importante firmare, mobilitarsi in ogni modo, nei luoghi di lavoro, nella società, nelle scuole. Come categoria ci stiamo impegnando per dare il nostro contributo e voglio ricordare il recente concorso di idee che la Flai ha indetto a Trapani, cui hanno partecipato le scuole, realizzando slogan ed elaborati contro la violenza di genere. Piccoli grandi gesti per ricostruire un tessuto di civiltà e rispetto”.

Stefania Crogi

 

Nel nel ringraziarvi per l’importante petizione che avete lanciato, vi segnalo che anche Anna  Canepa, segretaria generale di Magistratura democratica, ha firmato ‘appello di Ferite a Morte.
Inoltre sul nostro sito, www.magistraturademocratica.it è stata pubblicata la notizia della petizione per favorire nuove adesioni.Colgo l’occasione per manifestarvi da parte del segretario di Md la piena disponibilità a partecipare a eventuali iniziative future.

 Ufficio stampa Magistratura democratica

 

Firmare è un atto di civiltà per disegnare un futuro migliore per le donne.
Pierelisa Rizzo

 

Non è un raptus di follia, non è un dramma della gelosia, si chiama: femminicidio. Per contrastarlo c’è bisogno di introdurre l’educazione sentimentale nelle scuole, potenziare i centri antiviolenza, vigilare sulla mercificazione del corpo femminile nei mass media. Di tutto questo e di tanto altro ancora bisogna discutere negli Stati generali … Io aderisco a #Feriteamorte.

Onorevole Celeste Costantino

 

Se anche voi che ci leggete volete firmare l’appello potete farlo qui

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi