Il mio corpo di donna viva a donne che vive non lo sono più

  • 4 dicembre, 2012
Il mio corpo di donna viva a donne che vive non lo sono più

“Per me, partecipare al progetto teatrale Ferite a morte significa dare un nome a un’emergenza sociale, mostrarla, nominarla, raccontarla, costringere la società a prenderne atto, perchè solo così la si può contrastare. Significa dare la mia voce e il mio corpo di attrice e di donna viva a donne che vive non lo sono più.

Significa far sentire meno sole le donne che sono prigioniere della violenza. E così, sentirmi meno sola anch’io”. Così Emanuela Grimalda, che è stata sul palco di “Ferite a morte” nelle due tappe di Bologna e Palermo, regalandoci due bellissime interpretazioni di altrettanti racconti scritti da Serena Dandini.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi