The Fog Surfers: note tra rockabilly e soul per la tappa veronese di “Ferite a morte”

  • 26 agosto, 2013
The Fog Surfers: note tra rockabilly e soul per la tappa veronese di “Ferite a morte”

Oscillerà tra il rockabilly e il soul il tappeto di note su cui domani si avvicenderanno i monologhi di “Ferite a morte”, in scena al Teatro Romano di Verona. A selezionare le atmosfere musicali saranno i Fog Surfers, al secolo Andrea “the And” Sartori e Giancarlo Masotto. Dalla seconda metà degli anni novanta i Fog Surfers salgono in consolle, abbassano la puntina, alzano il volume e suonano rock’n’roll. E per i Fog Surfers il rock’n’roll, più che uno specifico genere musicale è un’attitudine, un filo rosso fuoco che unisce il rhythm’n’blues al rockabilly, il soul al garage, il boogaloo al beat, il surf al calypso, la bossa nova all’exotica, il mambo allo ska e al rocksteady, il twist al punk-rock, una vibrazione primitiva, profonda ed eccitante che scuote gambe e bacino, che infiamma il cuore e fa girare la testa, che arriva dalla notte dei tempi, irrimediabilmente datata e suonata rigorosamente su vinile, meglio se a 45 giri, ma che non è mai stata così attuale, fresca, moderna e necessaria.Nel corso di quindici anni di onorata attività i Fog Surfers hanno fatto girare i dischi nei più importanti locali e festival di settore italiani. Domani il loro esordio a teatro per imbracciare assieme a noi la lotta contro il femminicidio.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi