FERITE A MORTE per IO NON ODIO Artiste e studentesse insieme in un atto unico per le scuole contro la violenza sulle donne

  • 1 aprile, 2019
FERITE A MORTE per IO NON ODIO Artiste e studentesse insieme in un atto unico per le scuole contro la violenza sulle donne

Primo appuntamento di IO NON ODIO, progetto per le scuole della Regione Lazio, con FERITE A MORTE, il progetto teatrale scritto e diretto da Serena Dandini in collaborazione con la ricercatrice del CNR Maura Misiti per dar voce alle donne vittime di violenze.

Martedì 2 aprile dalle ore 11.30, presso l’Auditorium Parco della Musica, insieme alle autrici del progetto saliranno sul palco della Sala Petrassi 9 studentesse affiancate per l’occasione dalle artiste Sabrina Impacciatore, Isabella Ragonese, Benedetta Porcaroli, Orsetta de’ Rossi, Emanuela Fanelli, Federica Cacciola, Serena Tateo, Liliana Fiorelli e l’Assessora alle Pari Opportunità Lorenza Bonaccorsi per alternarsi nella lettura live di monologhi in un evento dedicato alle scuole.

Il progetto IO NON ODIO, promosso dalla Regione Lazio – Assessorato Pari Opportunità, con l’Assessorato Formazione, Diritto allo Studio, Università e Ricerca e in collaborazione con la struttura Progetti Speciali e Lazio Innova, rivolto agli istituti superiori di Roma e del Lazio, vuole essere un percorso di sensibilizzazione sui temi del contrasto della violenza maschile sulle donne e degli stereotipi di genere, ma anche nei confronti delle diverse conseguenze e connessioni che l’odio crea e propaga: omofobia, razzismo, bullismo, utilizzo distorto dei social.

FERITE A MORTE è un progetto teatrale sul femminicidio scritto e diretto da Serena Dandini. Un’ antologia di monologhi sulla falsariga della famosa Antologia di Spoon River di Edgar Lee Master costruita con la collaborazione di Maura Misiti, ricercatrice del CNR. I testi attingono alla cronaca e alle indagini giornalistiche per dare voce alle donne che hanno perso la vita per mano di un marito, un compagno, un amante o un “ex”. Una strage che, con un’impressionante cadenza, continua tristemente a riempire le pagine della nostra cronaca quotidiana. Oltre alle storie dei singoli casi, FERITE A MORTE prova a ricostruire le radici di questa violenza: accanto al femminicidio, parola cruda che indica la violenza estrema dell’uomo sulla donna “perché donna”, si affrontano temi come la tratta, lo sfruttamento, le mutilazioni e gli infanticidi femminili. Dal 2013 a oggi il progetto è stato ospitato in importanti sedi istituzionali come Palazzo Montecitorio, l’Organizzazione degli Stati Uniti d’America a Washington, l’ONU a New York e a Ginevra, la Thompson Reuters Foundation a Londa, al Parlamento Europeo a Bruxelles e molte altre.

IO NON ODIO prevede percorsi di avvicinamento nelle scuole coinvolte attraverso diverse attività nell’ambito della programmazione scolastica, da marzo a dicembre 2019, con l’obiettivo di creare una rete contro la violenza.

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi