Google misura il sessismo: la campagna verità di UN women

  • 20 ottobre, 2013
Google misura il sessismo: la campagna verità di UN women

Volete farvi concretamente un’idea della diseguaglianza e del sessismo a cui sono sottoposte le donne ovunque e da sempre? Collegatevi a internet e aprite il più comune dei motori di ricerca: Google. Poi iniziate a digitare “le donne non dovrebbero” e date un’occhiata alle parole con cui Google vi suggerisce di concludere la vostra frase, parole che non sono altro che una fotografia statistica della forma in cui quella frase ricorre più spesso. È questo il concept semplice ma estremamente efficace che il creativo Christopher Hunt  ha adottato per la nuova campagna di Un women (nella sede dell’Un, a New York, Ferite a morte, nella sua versione inglese Wounded to death, farà tappa il prossimo 25 novembre, ricordate?). «Questa campagna – spiega Hunt –  utilizza motore di ricerca più famoso al mondo (Google) per mostrare come la disuguaglianza di genere è un problema mondiale. Gli spot mostrano i risultati di ricerche originali, mettendo in evidenza le opinioni popolari in tutto il web».

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi