Malika Ayane: “A Bruxelles per dare voce alle vittime del femminicidio”

  • 27 novembre, 2013
Malika Ayane: “A Bruxelles per dare voce alle vittime del femminicidio”

«La mia prima volta con Ferite a morte è stata a dicembre scorso, a Genova. Poi ce ne sono state alte. Tutte le volte un’emozione diversa, sempre intensissima. Fortissima la sensazione di prestare voce a una donna morta perché aveva come unica colpa quella di essere donne e di volere vivere la sua vita seguendo le sue scelte. Come non esserci a Bruxelles? Mi piace l’idea che questo sia un lavoro italiano, che prende voce, lingue e volti delle donne di altri paesi. Dal Nord Europa all’America».

(Malika Ayane, domani sul palco del Teatro Saint Michel di Bruxelles con “Feite a morte”)

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi