Vendola: «Facciamo a pezzi la grammatica e la sintassi del rapporto tra i generi»

  • 6 ottobre, 2013
Vendola: «Facciamo a pezzi la grammatica e la sintassi del rapporto tra i generi»

Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, ha voluto accogliere con un videomessaggio l’arrivo di “Ferite a morte” a Bari. «Il femminicidio – ha detto – ha a che fare sempre con la volontà di potenza di chi non sopporta che una donna possa decidere con la propria testa, con il proprio corpo, che possa sottrarsi ad una forma di dominio e che possa darsi l’agio di essere libera nelle proprie scelte. Sono storie, ciascuna nella propria specificità, che ripetono un copione insopportabile. A quel copione io credo che sia giusto rispondere soprattutto con l’elaborazione del lutto, raccontando il dolore delle donne e raccontando la miseria del maschile che cerca il proprio piacere esprimendosi come dentro la performance, la mitologia di divinità in cerca di onnipotenza. Io credo – ha proseguito Vendola che il femminicidio non possa essere affrontato in chiave prevalentemente di codice penale o di recrudescenza delle norme penali. Il femminicidio chiede a noi di smontare l’intero vocabolario, di fare a pezzi l’intera sintassi e la grammatica dei rapporti tra i generi, ci chiede una lunga opera di ascolto, di ascolto di ciò che significa e di ciò che ci manda a dire la libertà delle donne. Per questo – ha concluso – vorrei ringraziare di cuore Serena Dandini e dirle che, insieme alla mia amicizia, lei ha veramente la mia stima per questo impegno, per questo lavoro, per questa fatica».

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi