Dl contro il femminicidio: anche la Corte di Cassazione avanza perplessità

  • 3 settembre, 2013
Dl contro il femminicidio: anche la Corte di Cassazione avanza perplessità

Non solo il mondo dell’associazionismo si mostra perplesso dinanzi al decreto legge contro il femminicidio approvato alcune settimane fa dal Consiglio dei Ministri: anche la Corte di Cassazione, nei giorni scorsi, ha avanzato alcune perplessità. Bene la querela non revocabile contro il violento, che rappresenta la “novità più rilevante”, e le nuove misure di tutela introdotte – dice la suprema corte – ma occorre rafforzare la parte relativa allo stalking e agli atti persecutori. In particolare, gli ermellini si sono mostrati perplessi dal fatto che il decreto non abbia previsto un’aggravante per il reato di atti persecutori commessi in presenza di minori aggravante che invece è prevista per i maltrattamenti commessi alla presenza di minori di 18 anni. Dubbi analoghi vengono anche sollevati sulla parte relativa alla violenza sessuale (non si prevedono aggravanti per coniugi o ex coniugi), mentre sulle modifiche introdotte sulle fasi del procedimento la Cassazione segnala alcune incoerenze.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Per accettare clicca su ACCETTO oppure scorri semplicemente la pagina. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso puoi leggere la nostra: Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi